A volte ritornano

21 Dicembre 2007 Commenti chiusi

Era da un pò che mancavo e, a pensarci bene,un pò anche mi mancavo,ogni giorno un pò di più.

Prosegui la lettura…

Non ti ho mai vista così stanca e così logora

6 Settembre 2007 Commenti chiusi

esco di casa.ho dimenticato un elemento della magica triade:cellular,portafogli e chiavi.che palle.

Prosegui la lettura…

If you don’t like me,don’t watch me

26 Luglio 2007 Commenti chiusi

-"Tonight I forget italian.Don’t ask me to sing in italian,please"

Prosegui la lettura…

dalla parte del drago

29 Giugno 2007 1 commento


dopo un mese di studio ho fatto la parte del drago ma la lancia me la sono trovata in culo..
e il San Giorgio in questione si chiama Amos..ma si può farsi bocciare da uno con un nome così stronzo?
medioevo di merda!

Loop

16 Giugno 2007 3 commenti


“E tu che ci fai qui?E’ già estate?”
è ormai sotto gli occhi di tutti che una rondine non fa primavera,ma quando io scendo a Bovalino,anche solo per qualche giorno,è sintomo che qualcosa sta cambiando,si stà avvicinando l’estate..
“un giretto..sono finite le lezioni e scendo per qualche bagno,tempo permettendo”
“che ti prendi?”
“niente,grazie”
“vieni che ti offro almeno il caffè”
“no veramente,sono a posto così,grazie”
“quando sei arrivato?”
“oggi”
“quando te ne vai?”
“tra neanche una settimana”
“La mamma,il papà,tuo fratello?Tutti bene?”
“si,tutto bene grazie”

di ritorno alla mia terra natale..
è sempre bello per me tornare qui;nel corso degli anni ho lasciato tanti pezzettini di me in questo posto,non li ho mai più ritrovati così che questo Paese continua ad avere su di me un’attrazione quasi magnetica.
non ho grandi cose da raccontare,qui è sempre tutto uguale,cambiano solo i luoghi di ritrovo e gli argomenti di discussione..
queste comunque sono state delle giornate un pò fredde e piuttosto piovose,tanto che,non prestando attenzione alla data,le si potrebbero benissimo scambiare per serate invernali.
e mi piace.
la pioggia suona melodie naturali bellissime ad ascoltarsi…sempre se si è in casa,come la vecchia saggezza popolare di mia nonna ricorda.
tra queste mura ho passato gran parte della mia vita,soprattutto i momenti lieti,quelli legati alle vacanze..le mitiche vacanze di Bovalino,quelle che quand’eri piccolo duravano dai primi di giugno a fine agosto..
“e il 4settembre è il mio compleanno,non ti fermi?”
“andiamo assieme a chiederlo ai miei che magari si commuovono e mi lasciano stare ancora un pò..”
“allora signora,può rimanere fino al 4?tanto la scuola inizia l’11.”
“qui sei troppo svariato!devi riprendere il ritmo,non puoi continuare con questa vita.”
insistenze varie.
“va bene,ma poi non voglio sentirti lamentare per tutti i compiti che devi ancora fare.”
qui tutto è rimasto uguale e ogni odore,ogni sapore e ogni atteggiamento richiamano alla mente momenti passati che si mescolano al presente..e ogni volta è nuovamente stupendo,per me.
se Cristo si è fermato a Eboli,anche la globalizzazione non dev’essere arrivata troppo più avanti e fortunatamente qui è rimasto ancora qualcosa di genuino che sa di tradizione e di gioia da festa paesana.
solo le passeggiate in riva al mare cambiano,perchè lì davanti tutto il resto perde senso,si rimane incantati e ogni volta salta fuori qualcosa di nuovo..ma si arriva dalla stessa parte…

LOOP-24Grana
“Secondo me, l’anima
È qualcosa che va più lenta del nostro pensiero
Fluttua lentamente
E il gioco della mente
la rende distante dal vero

A parte questo la parola
Rivolge da sempre il suo veloce programmare
Ad immagini che da sempre usa ricordare
Secondo me, l’anima
Cammina veloce quanto il ritmo
in un missaggio molto lento

Mi sublima pensare
Al moto circolare
Delle onde…

Mi sublima pensare
Al moto circolare
Delle onde…

Mi sublima pensare
Al moto circolare
Delle onde…

Mi sublima pensare
Al moto circolare
Delle onde…

Nel mare trovo la rosa della lingua
Che spinta da una corrente sottostante
Lascia le onde litigare
Cosa che la testa, o almeno la mia testa
Si diverte ad imitare
Dalla brina alla schiuma del mare

A parte questo ritorno a pensare
Che per capire bisogna dilatare i riflessi
Renderci partecipi di processi, complessi
dello stato emotivo
Posto sempre sotto pressione
E lo sforzo ad agire diventa una mera ragione
Una scusa nella quale l’istinto si può rifugiare

Continuo a pensare
Al moto circolare
Delle onde…”

Continuo a pensare
Al moto circolare
Delle onde…”

Continuo a pensare
Al moto circolare
Delle onde…”

Continuo a pensare
Al moto circolare
Delle onde…”

…probabilmente è solo pura esaltazione,
probabilmente amo solo la mia storia e questo posto.

prove generali per la sessione estiva

1 Giugno 2007 5 commenti

Un altro faticoso anno scolastico volge al termine,in attesa delle meritate vacanze andrò a fare un giro di perlustarzione nella mia terra natale..a tutti gli assidui frequentatori del blog(e si capisce quanti siano dai commenti all’ultimo post:)auguro una buona permanenza…
chiedo scusa per ogni trascuranza,ma credo che ci sia una valida giustificazione..

per entrare meglio nel clima la radio farà suonare la tipica musica locale..

MA COMU SI FACI – 06 – SONA SONA

È stati, caminu supa a spiaggia,
nto menzu i plastica e mundizzi,
mi guardu di vitra e da catrami,
basta, mi ndi tornu a casa.
Sutta l’unbra da carrubbara,
ndavi i ficandiana virdi,
è cardu, quaranta gradi all’umbra,
si squagghja e a funtana è sicca:
Sona, sona, sona regghe!
Canta e balla ca ti sarba!
Arriva, finalmenti a sira,
Nto corsu passa na figghjola,
mi piaci, però ndavi u cotraru,
peccatu, mi mangiu nu gelatu.
Senti nta radiu na canzuna,
regghe, ritmi giamaicani,
Everything is gonna be all right,
Bob, chistu ndi cantavi
Sona, sona…
Canta e…
Sona…
Canta e balla ca ti sballa!

The Joker

18 Maggio 2007 1 commento


ogni tanto mi capita ancora,soprattutto guardandomi allo specchio,di non capire più bene cosa ho davanti e i due minuti che dovrebbero servire per riprendermi si trasformano nella solita lunga serie d’interrogativi irrisolti..finchè non capisco di nuovo che allora devono essere le domande ad essere sbagliate e non le risposte che da sempre non arrivano..
il tempo passa,ma è ancora ora di tatuarsi.

The Joker-G.Grignani

Non sono una persona equilibrata ed ho l’anima sdoppiata
che ogni tanto viene su e giro con un joker x amico
non so + quel che dico ma non m’importa +

no dottore perfavore si è acceso un lampo nella mente non lo so
dica lei sarà normale che piango come un cane e poi ad un tratto io mio dio sorrido e rido
si rido
tanto che il mondo sai infondo potrebbe finire anche qua

no dottore per favore non è un interruttore non ci scherzi su
ma si accendo dentro all’improvviso e come quando e dove proprio non lo so
perciò
io vivo
e rido
si rido
tanto che il mondo sai infondo potrebbe finire anche qua

Liber(a)zione

25 Aprile 2007 6 commenti


Oggi il programma culturale della radio propone la commemorazione del 25 aprile,giorno della liberazione in seguito ad anni di resistenza.
In realtà vorrei solo ricordare che la guerra per liberare l’Italia è stata condotta da gente normale,del popolo,come potremmo esserlo tutti noi.
Io stesso fossi nato all’epoca credo sarei stato un partigiano.
Era gente normale,mica “battagliun” militari organizzati,erano tante teste una diversa dall’altra,erano ribelli più che soldati combattenti,organizzati solo in vista di un fine comune:la libertà;quella stessa libertà di cui usufruiamo senza neanche renderci conto della sua provenienza,dunque del senso che dobbiamo darle.
Di politica non capisco molto,ma senza certi ideali che m’illuminano la strada non mi oriento.
la resistenza non si deve celebrare solo oggi,ogni giorno dobbiamo resistere a chiunque voglia limitare la nostra libertà in qualsiasi maniera,anche solo volendoci tutti uguali e togliendoci così la libertà di autodeterminarci a nostro piacimento o nascondendoci le informazioni che contano o costringendoci ad entrare a far parte di un meccanismo che non riconosciamo come nostro.
Insomma dobbiamo difenderla,capirla,renderci conto di quanta fatica e a quante persone è costata la vita per ottenerla.
Quando moriranno gli ultimi partigiani rimasti chi ci ricorderà tutto questo?
gioiamo ora della liber(a)zione(sarà per questo che si chiama così?) di cui godiamo grazie alle loro fatiche e rendiamoci conto di quanto siamo fortunati a non esserci stati all’epoca perchè potevamo benissimo essere noi a lottare per le stesse libertà.
E se mai capiterà di nuovo qualcosa del genere toccherà a noi combattere..io un mito ce l’ho già..

“..la libertà è come l’aria..ci accorgiamo che non c’è solo quando comincia a mancare..”

Essere vivi o essere morti è la stessa cosa

19 Aprile 2007 2 commenti

“La borghesia riduce tutto a merce,altro che assolutezza.La poesia,invece,non è merce perchè non è consumabile.E’ ora di dirlo:questa di paragonare l’opera a un prodotto,e i suoi destinatari a dei consumatori,può essere una divertente,spiritosa metafora,ma nient’altro…
Se qualcuno dice sul serio una cosa del genere,è un imbecille,la poesia non è prodotta in serie,cioè,non è un prodotto.
E un lettore può leggere una poesia anche un milione di volte senza consumarla.
Anzi forse la milionesima volta la poesia gli potrà sembrare più strana,e nuova e scandalosa che la prima volta.E mi scusi la stupidaggine,non c’è frigorifero o scarpa prodotta a Varese,che sia consumabile dai posteri.”

Queste erano leparole del coccodrillo poeta,e noi le ripetiamo in ricordo della sua morte.

“Egli rompeva con se stesso pane non molto amaro.
Anzi piuttosto dolce.Nacque nella città di Koinè-Keltikè,riemersa dal cotto del Trecento e non ancora scomparsa nel cemento.”

Ricordati di santificare le feste

8 Aprile 2007 7 commenti

tra 3 giorni ho un esame e mi mancano SOLO 2 libri e 1/2 da leggere.
massì,che ci vuole!ho fatto pure il corso di lettura veloce..il maestro si chiamava ET;faceva scorrere le pagine col pollice,fenomenale:un libro in 3 secondi!
ci ho provato anch’io..ovviamente non ricordo una fava.
secondo me non ho capito bene se muoveva il pollice o inclinava il libro per far scorrere le pagine.
vabbè,probabilmente devo solo avere ben chiara la differenza tra “occuparsi”,magari andando a studiare,e “preoccuparsi”,esternando le mie perplessità sulla mia (im)probabile preparazione per l’esame.
il fatto è che non ho voglia.quindi per l’occasione ho deciso di rinnovare la mia fede ricordandomi di santificare le feste.quindi oggi è pasqua e non studio!tanti auguri.
userò la “tattica annunziato” che consiste nel passare per ultimo della mattinata dopo aver ascoltato tutte le interrogazioni precedenti così da imparare qualcosa e ripeterla magari cambiando qualche parola qua e là.
già già,magari non dovrei proprio preoccuparmi…magari..per ora però mi sto cagando sotto!
già mi vedo in sede d’esame ripetere la scena di un film:
..”Apocalypse now,regia di Franzis Ford Coppola,musica dei Doors”..